Quotazioni petrolio, fino a quanto durerà la crescita?

pozzo-estrazione-petrolio

Continua il rimbalzo delle quotazioni del petrolio. Una materia prima che fino a non troppo tempo fa quotava valori dimezzati rispetto ai picchi dello scorso anno, e che ora non sembra avere intenzione di arrestare la propria corsa al rialzo. I numeri sono d’altronde sotto gli occhi di tutti. A metà marzo il Wti era sceso intorno ai 42 dollari, per un valore al minimo dal 2009. Ad oggi il Wti ha invece già riguadagnato quota 60 dollari (mai rivisti dallo scorso dicembre), in continuo rialzo.

Analisi fondamentale: i market mover del mercato azionario

market-mover

L’analisi fondamentale è un insieme di tecniche che consentono ai trader di interpretare gli eventi esterni in funzione del loro impatto – presunto e stimato – sul mercato. E’ complementare all’analisi tecnica, che analizza i dati provenienti dal mercato per mezzo degli indicatori, ma che manca della vis interpretativa tipica invece della fondamentale.

I market mover differiscano da mercato a mercato. Alcuni asset subiscono una influenza maggiore di alcuni tipi di eventi, altri asset subiscono l’influenza di eventi totalmente diversi. Tra i mercati ancora in auge spicca quello delle azioni. Quali sono i market mover del mercato azionario?

I market mover, a prescindere dal mercato di riferimento, sono classificabili in tre categorie. All’intero di queste categorie, alcuni market mover sono importanti e altri meno. Alcuni agiscono in modo diretto e altri in modo indiretto. Una precisazione: i market mover “azionario” sono meno diretti rispetti ai market mover di altri mercati (es forex e materie prime).

Forex: cosa si intende per momentum

Momentum

I trader di forex (come qualsiasi altro tipo di trading) hanno un alleato fondamentale: l’analisi tecnica. Per analisi tecnica si intende lo studio e l’interpretazione degli indicatori. Questi possono essere definiti come elaborazioni di dati grezzi in grado di suggerire, sulla scorta di particolari modelli, la direzione in cui sta andando il mercato. La definizione di momentum si inserisce esattamente in questo scenario.

Per momentum si indica la forza di un determinato trend. Riuscire a comprenderne l’entità è essenziale, visto che questa determina la gamma di azioni che un trader può intraprendere – o è bene che intraprenda. Un trend forte suggerisce delle azioni, un trend debole suggerisce azioni totalmente diverse. E’ molto difficile, se non impossibile, stabilire il momentum a occhio nudo, o semplicemente osservando il grafico.

Funzionali alla comprensione del momentum sono gli indicatori… Di momentum. Indicatori che forniscono segnali sulla forza del trend. Ne esistono molti, lo scopo è sempre lo stesso ma i metodi (e con esse le riserve che suscitano) differiscono parecchio. Tra questi spiccano indicatori molto popolari, come lo stocastico e l’RSI.

Deposito e prelievo: le regole dei broker

Broker, quello giusto

Si fa un gran parlare dell’affidabilità dei broker. E’ uno degli argomenti preferiti di chi critica l’universo del trading: internet pullula di storie in cui i trader sono stati truffati proprio dai broker. Le truffe hanno come protagonisti proprio le attività di deposito e prelievo, che dunque toccano un nerbo scoperto delle tante conversazioni sul trading.

Per capire se un broker è affidabile o meno, quindi, è necessario essere consapevoli della forma corretta in cui deposito e prelievo devono essere declinati. E’, per esempio, irrealistico e ingeneroso pretendere che un prelievo venga realizzato in poche ore.

Un altro passo è comprendere cosa si intenda, in verità, per deposito e prelievo.

Si effettua un deposito quando si aggiunge capitale sul proprio conto di trading. Importantissimo è il concetto di deposito minimo, ossia la cifra che deve essere obbligatoriamente versata per poter aprire un conto. Le promozioni dei broker consistono proprio in depositi minimi particolarmente bassi, che sono attraenti per la massa. Spesso, poi, sono accompagnati da bonus di omaggio, che vengono espressi in percentuale proprio sui depositi minimi.

Analisi fondamentale e materie prime: i market mover da studiare

Forex contro Commodity

Le materie prime vengono spesso utilizzate come sottostanti da chi trada con le opzioni binarie. Le loro caratteristiche fanno sì che possano essere considerate come un sottostante dopotutto abbastanza prevedibile, e quindi fonte di potenziali profitti. Certo, la volatilità assume dimensioni diverse da quella delle valute ma ciò non toglie che i prezzi delle materie prime subiscano una influenza molto intensa da parte di alcuni market mover. Per poter investire in opzioni binarie legate alle materie prime, e uscirne con un buon profitti, l’analisi fondamentale si rivela più utile rispetto all’analisi tecnica.

Il discorso sui market mover delle materie prime è particolare, perché sfocia in ambiti totalmente inesplorate da altri asset – come azioni e valute. Un esempio? L’euro o il dollaro non vengono influenzate dalle notizie sul clima, ma il grano – inteso come materia prima – sì, e anche molto. Di seguito, qualche consiglio per eseguire una buona analisi fondamentale sulle materie prime.

Prestiti per disoccupati: ecco come funzionano

prestiti-per-giovani-disoccupati

Accedere al credito è sempre più difficile per via delle regole stringenti delle banche. Per chi è disoccupato, poi, ottenere un prestito personale lo è ancora di più. Da quando è scoppiata questa crisi finanziaria le banche, per esigenze di stabilità, hanno reso più severe le regole per l’erogazione di finanziamenti tagliando fuori, di fatto, tutta quella parte della popolazione che non aveva tutte le carte in regola.

Insomma oggi ottenere un prestito se si è disoccupati è tutt’altro che facile ma, come vedremo fra poco, neanche del tutto impossibile. Vi sono degli strumenti che permettono di aggirare l’ostacolo della mancanza del reddito e offrono la possibilità, anche a chi un lavoro non ce l’ha e se lo vorrebbe creare di avere un’opportunità.

Broker di opzioni binarie: come riconoscere le truffe

opzioni-binarie-broker-truffe

Le opzioni binarie sono molto allettanti, almeno a giudicare dai messaggi pubblicitari che affollano il web. Ci possiamo veramente fidare? La risposta è sì, ma con una piccola grande riserva. Qualche perplessità, infatti, deriva non tanto dal trading binario in sé, bensì da uno dei suoi attori principali: i broker.

Purtroppo alcuni broker delle opzioni binarie rappresentano delle vere e proprie truffe. La buona notizia è che i broker da cui stare alla larga sono molto riconoscibili. Ecco qualche consiglio per smascherare quelli disonesti.

Verificare la licenza. E’ questo il consiglio più importante. A decretare la credibilità di un broker è, almeno dal punto di vista formale, un ente regolatore.

Trading: banche al posto dei broker, convengono veramente?

Banche come broker

Molti evitano di avvicinarsi al mondo del trading per la paura di venire truffati. Alla diffusione di questo timore contribuisce la fama, certo non positiva, dei broker intesi come categoria. Questi vengono considerati generalmente poco affidabili, quindi da tenere alla larga.

Si tratta di un timore parzialmente infondati, dal momento che è possibile verificare la qualità degli intermediari semplicemente informandosi sulla licenza e sull’ente che l’ha erogata. Per inciso, gli enti più affidabili a livello internazionale sono la FCA e la CySec (per l’Italia è la Consob).

Ad ogni modo, c’è una possibilità di tagliare la testa al toro, ossia affidarsi direttamente a delle banche. Può sembrare strano che un istituto bancario si dedichi ad attività “borderline” come il trading ma servizi di questo tipo sono molto frequenti. La domanda che a questo punto sorge spontanea é: conviene di più tradare attraverso i broker propriamente detti o per mezzo delle banche? Ecco le differenze maggiori in termini di approccio e costi.

Strategia del Trend Following: come utilizzarla al meglio

Strategia Trend Following

Tra le strategie di trading più utilizzate spicca quella del Trend Following. In verità non si tratta di una strategia, ma piuttosto di un approccio che comprende varie metodologie. Il principio di base, comunque, è molto intuitivo ed è riassumibile con l’espressione “il trend è tuo amico”. In effetti, nella maggior parte dei casi è proprio così. A seguire il trend si sta al sicuro, il più delle volte. Certo, sfruttare la volatilità e lavorare di scalping può essere molto più remunerativa ma è assai più difficile e stressante. Non stupisce quindi il tasso di utilizzato delle strategie Trend Following.

Si definisce Trend Following una strategia che cerca di sfruttare il trend in atto e che prevede: 1) l’esecuzione di ordini che non implichino la presenza di rotture o inversioni; 2) l’utilizzo di indicatori di analisi tecnica specializzati nell’informare sulla forza del trend in atto o almeno della sua presenza. Queste sono le uniche due caratteristiche che ricorrono nelle strategie Trend Following ma sono più che sufficienti per escludere un vasto campionario di approcchi, come quelli che sfruttano gli effetti di rimbalzo, il trading veloce, o le semplici inversioni.

Come si utilizzano i segnali dell’analisi tecnica nelle opzioni binarie

Forex vs Opzioni Binarie

I segnali sono una risorsa molto efficace per i trader. Il loro scopo è dare un orientamento alle strategie dell’investitore che li riceve e quindi consigliarlo sugli ordini da realizzare. Per intenderci, i segnali sono elaborazione di dati grezzi, ma che contengono anche delle interpretazione e degli indirizzi di trading.

I segnali generalmente vengono apprezzati più dai trader che ancora non hanno acquisito una esperienza notevole. Insomma, dai meno esperti. Dal momento che ancora nutrono delle difficoltà nell’analisi tecnica, si affidano al lavoro altrui.

Ciò non toglie però che questi strumenti possano rivelarsi utili anche ai trader più competenti, come minimo per confrontare le proprie interpretazioni con quelle offerte dai segnali – quindi come conferma o verifica.

I segnali, comunque, si distinguono per le seguenti caratteristiche: possono originari tanto dai broker quanto dai trader (che quindi possono venderli). In genere vengono recapitati per posta elettronica –  spesso attraverso lo strumento della newsletter – , ma c’è possibilità che vengano comunicati per chat o su skype, o attraverso la piattaforma di trading. In quest’ultimo caso, è probabile che siano segnali di qualità non eccelsa.