Monthly Archives: marzo 2016

Sterlina in arretramento dai massimi post FOMC

Formazione forex

La sterlina britannica ha aperto la settimana iniziando la sua strada di arretramento rispetto ai massimi raggiunti nell’immediato post-FOMC della Federal Reserve in area 1,45 GBP/USD. Ad ogni modo, il cedimento è piuttosto modesto, soprattutto se si tiene conto dei rischi – più volte ricordati anche sul nostro sito – che sono legati all’incertezza sull’esito del referendum UE di giugno (Brexit).

La tensione politica sul tema Brexit è infatti molto elevata, e per il momento sembra che il mercato stia reagendo meglio del previsto. Probabilmente tale resistenza alle difficoltà da parte del mercato risulta essere imputabile al fatto che mediamente i sondaggi si mantengono stabili rispetto alle scorse settimane, aumentando però nel contempo il rischio di correzione del cambio qualora dovesse emergere un seppure lieve aumento delle fila dei favorevoli a uscire dall’Unione Europea.

Dollaro USD e CAD in rialzo

stati uniti

Odor di rafforzamento per i dollari nordamericani, con quello statunitense che ha continuato a rialzare la testa, spinto anche dai dati macro che sono stati pubblicati nel corso degli ultimi giorni, e che hanno ben potuto generare la propulsione nei confronti dell’USD. Tra i principali, l’ISM manifatturiero ha in particolare sorpreso positivamente mostrando un incremento superiore alle attese, che ha riguardato anche la sotto-componente prezzi. Anche tassi attesi e rendimenti ne hanno risentito, salendo su tutte le scadenze.