Bonus Forex: un’arma a doppio taglio?

Alcuni broker – anzi, la maggior parte – al fine di acquisire nuovi clienti o consolidare quelli attuali, offrono dei bonus. I bonus Forex rappresentano sempre qualcosa di positivo per il trader, almeno a primo acchito. Per i più sprovveduti, però, o semplicemente per i nuovi arrivati, potrebbero essere una pericolosa arma a doppio taglio. Perché?

Prima di rispondere a questa domanda, occorre distinguere due tipi di bonus.

1. I bonus Forex che richiedono un deposito iniziale.

2. I bonus Forex che non richiedono un deposito iniziale.

Nel primo caso, “il regalo” viene calcolato sul deposito. In genere si tratta di una percentuale. Alcuni broker, per esempio, offrono un bonus che corrisponde al 50% del deposito versato. Spesso, per non dire sempre, è presente un limite al bonus (che può essere di poche centinaia di euro o anche di meno, oppure di somme considerevoli, ad esempio 5.000€).

Nel secondo caso, il regalo è totalmente gratis e senza impegno alcuno. Ci si iscrive e si fruisce del bonus. In genere, la loro dimensione è ridotta. Il bonus non supera mai i 100 euro e può scendere anche a pochi euro.

Il consiglio, dunque, è di prediligere il primo tipo, anche perché è proprio raro vedere un trader che inizia la sua avventura con il portafogli vuoto.

Detto questo, possiamo rispondere alla domanda: perché il bonus Forex può essere un’arma a doppio taglio? La risposta ha a che vedere con la psicologia. Alcune ricerche (soprattutto quella di 24Option) dimostrano che in presenza di un bonus i fondamenti psicologici che muovono il trader cambiano quasi radicalmente.

In estrema sintesi, la paura diminuisce notevolmente. Ora, questa rappresenta ovviamente un freno all’avidità, che è l’altro elemento che domina il trader, impedisce i famosi colpi di testa ma pone in essere un rischio di natura diversa: quello di perdere i “treni”.

Quando la paura scompare, il trader esperto la bilancia con la razionalità e con l’esperienza: utilizzerà i soldi “in più” magari non con parsimonia, ma sicuramente con intelligenza.

Il trader meno esperto, che non ha mai avuto tra le mani un bonus, rischia seriamente di farsi prendere la mano e compiere gesti avventati. Ossia, di realizzare operazioni in maniera istintiva, forse addirittura a caso. Una deriva, questa, che arriverà presto a coinvolgere – senza che nemmeno il trader se ne accorga – anche i soldi che non facevano parte del bonus.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *