Broker di opzioni binarie: come riconoscere le truffe

Le opzioni binarie sono molto allettanti, almeno a giudicare dai messaggi pubblicitari che affollano il web. Ci possiamo veramente fidare? La risposta è sì, ma con una piccola grande riserva. Qualche perplessità, infatti, deriva non tanto dal trading binario in sé, bensì da uno dei suoi attori principali: i broker.

Purtroppo alcuni broker delle opzioni binarie rappresentano delle vere e proprie truffe. La buona notizia è che i broker da cui stare alla larga sono molto riconoscibili. Ecco qualche consiglio per smascherare quelli disonesti.

Verificare la licenza. E’ questo il consiglio più importante. A decretare la credibilità di un broker è, almeno dal punto di vista formale, un ente regolatore.

Questo suggerisce il possesso dei requisiti minimi di legalità e sicurezza da parte del broker. Gli enti regolatori sono molti, e quasi tutti degni di considerazione, ma alcuni sono più importanti di altri. Tra questi spicca la cipriota CySec e la britannica FCA. Per l’Italia, va segnalata la Consob. L’assetto migliore è rappresentato dal possesso di una licenza CySec e di una licenza di dimensione locale (appunto, per l’Italia la Cysec).

Studiare il sito ufficiale. Al giorno d’oggi, è il sito il miglior biglietto da visita. Se questo è ben curato e completo, allora esistono buone probabilità che il broker rappresenti una ottima scelta. Attenzione soprattutto al capitolo “Termini e Considerazioni”: se sembra troppo generico, vuol dire che qualcosa non va. Un buon segnale è rappresentato anche dalla presenza di corsi online. Vuol dire che, come minimo, il broker conosce il suo mestiere così tanto da offrire conoscenze ai suoi clienti (o potenziali clienti).

Analizzare le politiche promozionali. Quando un broker promette la luna, state pur certi che non riuscirà a rispettare la sua promessa. Anzi, probabilmente il rischio è quello di incorrere in una truffa. Un discorso è la pressione pubblicitaria, le cui esigenze impongono promesse di un certo tenore; un altro paio di maniche è il contenuto dell’offerta, che deve essere realistico e chiaro. Le promesse più assurde sono quelle che riguardano bonus senza deposito a doppia cifra, magari con possibilità immediata di prelievo o, più generalmente, guadagni anche del 50%. Soprattutto, diffidate dai broker che promettono investimenti sicuri e senza rischio perdita (semplicemente non esistono).

Esplorate la rete. Il sito è un ottimo biglietto da visita, ma anche il web – nella sua immensità – lo è. E’ probabile, infatti, che se un broker si è rivelato essere una truffa, qualcuno se ne sia lamentato in rete. Un commento negativo può non incidere sul giudizio complessivo, ma quando i commenti sono diffusi non c’è dubbio: meglio stare alla larga. Come sempre, fa più rumore un albero che cade piuttosto che una foresta che cresce. Sfruttate questo rumore.

 

One Response to Broker di opzioni binarie: come riconoscere le truffe

  1. codicejack scrive:

    Apprezzo particolarmente il servizio di segnali gratis di 24option, diciamo che è il migliore che ho provato tra tutti quelli gratuiti. Io lo consiglio, è sufficientemente affidabile da fare buoni profitti, e poi 24option è una delle garanzie migliori che abbiamo oggi come oggi nel mercato delle opzioni binarie. Con 24option è proprio vero che il trading binario funziona

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *