Category Archives: Formazione

Analisi fondamentale: i market mover del mercato azionario

market-mover

L’analisi fondamentale è un insieme di tecniche che consentono ai trader di interpretare gli eventi esterni in funzione del loro impatto – presunto e stimato – sul mercato. E’ complementare all’analisi tecnica, che analizza i dati provenienti dal mercato per mezzo degli indicatori, ma che manca della vis interpretativa tipica invece della fondamentale.

I market mover differiscano da mercato a mercato. Alcuni asset subiscono una influenza maggiore di alcuni tipi di eventi, altri asset subiscono l’influenza di eventi totalmente diversi. Tra i mercati ancora in auge spicca quello delle azioni. Quali sono i market mover del mercato azionario?

I market mover, a prescindere dal mercato di riferimento, sono classificabili in tre categorie. All’intero di queste categorie, alcuni market mover sono importanti e altri meno. Alcuni agiscono in modo diretto e altri in modo indiretto. Una precisazione: i market mover “azionario” sono meno diretti rispetti ai market mover di altri mercati (es forex e materie prime).

Consigli sul trading binario

consigli trading

Il trading binario è una forma di trading finanziario piuttosto diffusa in questo ultimo periodo visto che garantisce la possibilità di profitti anche ai trader principiante. Abbiamo detto possibilità e non certezza perché il primo segreto per guadagnare con il trading è proprio essere consci del fatto che i guadagni non sono garantiti, in nessun caso: anche il miglior trader può subire delle perdite, figuriamoci un principiante.

Questo articolo è dedicato al trading binario e in particolare punta a fornire consigli utili a tutti coloro che si avvicinano per la prima volta al mondo della finanza.

 

Trading binario grafici

Il trading binario è una forma di trading a breve termine, di solito infatti le opzioni binarie hanno una scadenza di 60 secondi (o 30). Questo significa che il modo migliore per fare previsioni è utilizzare l’analisi tecnica. Non è difficile, in fondo, ma bisogna imparare a osservare i grafici dei prezzi degli asset e capire come si evolve il prezzo rispetto al tempo. Molti trader sono in grado di fare previsioni senza sapere nulla dell’asset, semplicemente ragionando sull’andamento del grafico. La maggior parte delle strategie di trading vincenti si basano proprio sull’osservazione dei grafici: imparare a leggerli è il primo consiglio utile a chi vuole guadagnare davvero.

 

Trading binario strategie

Ma che cosa si può fare una volta che si sanno leggere i grafici? Si possono finalmente seguire le strategie. Il tipico principiante del trading binario si aspetta di solito che le strategie vincenti sono estremamente complesse. Falso. Le strategie che fanno guadagnare di più sono di solito quelle più semplici. In effetti possiamo dire che non è la complessità della strategia che fa la differenza, ma la disciplina con cui il trader la segue. Il consiglio che diamo, in questo caso, è duplice. Il primo è di selezionare accuratamente le strategie di trading binario che si vogliono utilizzare e, una volta fatta la scelta, di applicare le strategie selezionate con disciplina.

 

Trading binario demo

Un terzo consiglio fondamentale per i principianti è quello di sperimentare il trading binario senza rischiare soldi grazie ai conti demo che i migliori broker di opzioni binarie mettono a disposizione gratuitamente. Effettuare una prova gratis del trading binario prima di mettere a rischio i propri soldi può essere utile persino per far capire all’aspirante trading che il trading non è adatto a lui, in fondo non siamo nati tutti per diventare ricchi.

Tuttavia è necessario ricordare che il trading con il conto demo non è uguale al trading con il conto reale perché manca tutta la tensione psicologica che caratterizza il trading con soldi veri. Non si può pensare quindi di utilizzare per troppo tempo il conto demo per imparare il trading binario: la cosa migliore, una volta acquisita un po’ di confidenza, è passare al trading reale, eventualmente utilizzando inizialmente un capitale più basso.

 

Trading binario guida

L’ultimo consiglio che diamo a coloro che vogliono iniziare il trading binario è utilizzare una buona guida, indipendente e oggettiva. Bisogna evitare quindi, di reperire informazioni su forum o su Wikipedia, cercando invece i consigli di trader professionisti sui portali specializzati.

Trading azionario: tutto ciò che c’è da sapere

Nonostante l’incredibile ascesa del forex e delle opzioni binarie, le azioni rimangono – in un certo senso – le regine del trading. Certo, in liquidità sono state superate dalle valute ma è innegabile che ricoprano ancora un ruolo dominante nell’immaginario collettivo. In ogni caso, rappresentano ancora un’ottima opportunità di guadagno. Le caratteristiche del mercato azionario, e i consigli di massima, sono gli stessi di sempre ma assumono una significato leggermente diverso se si considerano le differenze con il forex e le opzioni binarie.

Rispetto al forex per esempio, il mercato azionario ha un orario più restrittivo. Il mercato delle valute è aperto 5 su giorni su 7, 24 ore su 24. L’azionario, invece, è aperto fin tanto che sono aperte le borse alle quali sono iscritti gli indici. Dunque, otto ore al giorno.

E’ anche un mercato non molto volatile, non nel senso in cui lo sono le valute. La volatilità nelle borse, infatti, raramente coincide con il caos. Questo perché, checché se ne dica, l’azionario può essere controllato dai grandi player, che possono far sentire in maniera anche eccessiva il loro peso. Nel forex e nelle opzioni binarie (a esclusione di alcuni sottostanti) il mercato è diretto dagli investitori piccoli, e appare tutto più casuale.

Di contro, le azioni hanno un grosso pregio rispetto a tutte le altre modalità di trading. Sono molto più prevedibili. A patto che il trader sappia dove cercare gli indizi, ovvio. Ad ogni modo, per orientarsi è necessario sapere tutto su un’azienda e il bello è che questa deve rendere pubblici alcuni suoi “dati” per legge. Stato patrimoniale, cash flow, fatturato (alla fine è questo che bisogna sapere) è tutto pubblico.

Ovviamente gli strumenti dell’analisi tecnica vengono utulizzati in pieno, ma a orientare lo sguardo e la mano del trader è anche qualcosa di più concreto.

Con le azioni, però, alcune tecniche speculative sono proibite o ostacolate. Tra questi figurano lo scalping e lo short. Per inciso, con il primo si intende l’apertura e la chiusura frenetica delle posizioni allo scopo di produrri piccoli guadagni ma molto numerosi; con il seconso si intende la vendita di un asset non ancora in nostro possesso. Se si utilizzano mentre si trada con le azioni (ma questo vale anche per altri trading, come quello delle commodity) il broker può addirittura procedere con l’assegnazione delle penalità. Nel forex, invece, è permesso tutto (o quasi).

C’è poi un altro aspetto, che per alcuni può essere positivo e per altri negativo. Il forex e le opzioni binarie, in un certo senso, sono più facili da utilizzare. Le opzioni perché il loro meccanismo è al limite della banalità (o del gioco d’azzardo); il forex perché gli asset da gestire sono pochi (le valute major sono solo quattro). Le azioni invece sono migliaia. Dunque per conoscere il mercato e poter agire al meglio è necessario conoscerle magari non tutte, ma per sommi capi almeno una buona parte – sicuramente quelle che hanno correlazioni tra di loro.

Ebook forex e trading online di Markets

markets com

Tutti i “bravi” trader ben conoscono quale sia l’importanza di un continuo apprendimento delle tecniche più adatte e personalizzate per poter portare a compimento la propria strategia di investimento.

E ben sanno, in aggiunta, quanto sia importante alimentare il proprio bagaglio di conoscenze tecniche e sostanziali, emotive e finanziarie, da attivare nel momento in cui si dovesse rendere necessario affrontare senza indugi il “momento della verità”, ovvero la scelta su come e quando aprire una posizione, o chiuderla.

Ebbene, tra i principali broker forex che sembrano essere in grado di soddisfare meglio degli altri la “sete” di sapere dei traders, c’è sicuramente Markets.com.