Come gestire il rischio con Plus500

Plus500, uno dei principali broker disponibile per i trader italiani, dispone di una ricca serie di strumenti di gestione del rischio, in grado di arricchire la strategia di investimento in maniera estremamente personalizzata.

Dagli stop loss agli stop garantiti, passando per gli stop operativi e le entrate dell’ordine, cerchiamo di saperne un pò di più sui tipi di ordini impostabili attraverso le piattaforme Plus500.

Stop loss

Lo stop loss è uno dei più noti ordini impartibili dal trader. Attraverso tale “comando”, si impartisce al broker l’ordine di vendere un determinato strumento quando la quotazione scende al di sotto di un limite minimo predefinito (che, generalmente, coincide con il limite di tollerabilità di una perdita finanziaria).

In altre parole, quando il titolo acquistato raggiunge il prezzo minimo indicato, l’ordine stop loss si trasforma in un ordine di vendita del titolo sul mercato.

Stop garantito

Lo stop garantito è una sorta di stop loss che garantisce che la liquidazione dello strumento avvenga al prezzo indicato. Ma quale è la differenza con lo stop loss?

In termini estremamente sintetici, è possibile che, pur indicando lo stop loss, la vendita dello strumento finanziario avvenga nel momento in cui la quotazione è ancora inferiore (la liquidazione dello strumento finanziario genererà quindi un introito inferiore alle attese, per quanto – nella stragrande maggioranza delle ipotesi – le differenze tra quanto previsto e quanto atteso siano minime).

Con lo stop garantito, invece, il broker assicura un limite assoluto alle perdite potenziali di una posizione. Pertanto, anche se il prezzo del titolo dovesse crollare, la liquidazione dello strumento finanziario avverrà esattamente al prezzo indicato nello stop garantito. Ad esempio, se abbiamo acquistato il titolo A a 100 euro, fissando uno stop garantito a 90 euro, e il prezzo del titolo dovesse crollare rapidamente a 80 euro, la liquidazione dello strumento verrà effettuata dal broker a 90 euro.

Si tenga conto che, contrariamente allo stop loss, lo stop garantito è disponibile solo per alcuni strumenti, è posizionabile solo per nuove posizioni (non è possibile “aggiungerlo” a posizioni esistenti) e – una volta attivo – non può essere rimosso (si può solo modificarne il valore).

Stop operativo

Meno nota delle prime due, l’opzione stop operativo è un’altra tecnica di gestione del rischio che Plus500 rimette in capo ai trader. Nel dettaglio, attraverso tale operazione Plus500 consente di piazzare un ordine stop loss che aggiorni la chiusura del profitto se il mercato si muove nel senso favorevole per il trader.

Per comodità del trader, l’opzione è esercitabile inserendo un prezzo percentuale del prezzo corrente, la distanza in pip dal prezzo corrente o l’importo massimo delle perdite (nei primi due casi Plus500 calcolerà il rispettivo stop loss, mentre nel terzo caso Plus500 calcolerà il rispettivo stop operativo).

Entrata dell’ordine

Con l’opzione entrata dell’ordine, il trader potrà impartire a Plus500 il comando di inserire un ordine di acquisto nel momento in cui il prezzo di mercato raggiunge il prezzo specificato, aprendo quindi una nuova posizione. Si noti che l’entrata dell’ordine può essere utilizzata in una duplice via, impostando un prezzo inferiore al corrente prezzo di negoziazione (il trader vuole quindi acquistare in un trend in calo, scommettendo su una successiva inversione di tendenza) o superiore al corrente prezzo di negoziazione (il trader vuole quindi acquistare in un trend di rialzo, scommettendo su un ulteriore prolungamento del rialzo stesso). Le entrate dell’ordine sono inoltre utilizzabili anche nelle vendite.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *