Demo Forex, di cosa si tratta

Il Forex è un mercato in cui non è raro guadagnare molto denaro ma che cova in sé, potenzialmente, un numero enorme di rischi. Sebbene sia da molti avvicinato come una sorta di “gioco d’azzardo” frequentare con profitto il mercato valutario vuol dire studiare, agire con disciplina, essere pazienti.

Il rischio di “soccombere” è sempre presente. L’esperienza è il baluardo che si frappone tra il trader e la sconfitta. E qui, come in tutti i contesti in cui si investe, si giunge al paradosso. “Come faccio a diventare esperto, se il rischio è quello di perdere tutto e subito?” E’ questo ciò che i principianti si chiedono.

Fortunatamente, esiste una risposta a questa domanda, ed è una risposta positiva. A intervenire in aiuto ai trader meno esperti, a coloro che approcciano per la prima volta il forex, sono i conti Demo. La particolarità di questi strumenti è che permettono di fare trading senza utilizzare soldi reali, ma nel mercato vero e proprio.

Il senso di queste piattaforme, che vengono rilasciate dai broker, è quello di permettere ai nuovi trader di impratichirsi. Non è però tutto oro quel che luccica, e anche i Demo hanno sì i loro pregi, ma anche i loro difetti.

Tra i pregi c’è, come accennato sopra, la possibilità di operare nel mercato vero e proprio, senza rischiare di perdere nulla. E’ possibile provare strategie, tecniche, impegnarsi nell’analisi tecnica. Insomma, mettere a frutto – per ora solo virtualmente – ciò che si è acquisito durante la fase di studio (che comunque non deve finire mai del tutto).

I difetti principali, invece, sono almeno due. Il primo è l’assenza di paura. Sembra un paradosso ma non lo è. E’ proprio la paura il sentimento più grande che un trader affronta in tutte le sue operazione. Saperla gestire è una virtù imprescindibile, forse la più imporante nel Forex.

Una virtù, questa, che i conti Demo non insegnano perché, semplicemente, se si opera senza denaro la paura non giunge mai.

Il secondo difetto è correlato al primo: i conti Demo sono fuorvianti. A causa della sostanziale “scarto” emotivo tra operare in Demo e l’operare nella realtà, ispira nel trader una serie di sentimenti che lui crede essere tipici del Forex e che invece sono assenti o marginali (euforia, divertimento, brivido d’azzardo).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *