Demo forex, su quale tipologia puntare

Non si nasce trader, questo è ovvio, ma anche diverntarlo può essere difficile. A dispetto di quanto pensa l’immaginario collettivo, che associa il forex a un qualcosa di molto simile al gioco d’azzardo, tradare con efficacia richiede una enorme quantità di studio.

Alla teoria deve però seguire la pratica, e allora sono dolori. C’è però un modo per attutire la caduta nel mercato reale, e questa prende il nome di demo forex.

Le demo forex sono delle piattaforme – o meglio, degli account – che permettono di tradare nel mercato vero e proprio, quello in cui ogni giorno migliaia di trader investono, ma con soldi “finti”. In estrema sintesi, è possibile aprire e chiudere quanti ordini si vuole senza il rischio di perdere il capitale. L’ideale per imparare.

Ovviamente, le demo rappresentano una risorsa importante anche per i trader esperti. Grazie a questi strumenti, infatti, possono tranquillamente sperimentare strategie o familiarizzare con tecniche nuove.

Scegliere le demo, però, non è poi così facile. Esistono varie tipologie. In linea di massima, si potrebbe operare una scelta prendendo in considerazione le piattaforme più affidabili. In parole povere, a piattaforma reale “di altà qualità” corrisponde una altrettanto soddisfacente piattaforma demo. E’ una considerazione saggia, ma non basta. Ecco una guida breve ma esaustiva per scegliere le giuste demo.

Un ottimo modo per scegliere bene è prendere in considerazione dei buoni criteri.

Affidabilità. Ovviamente, il primo requisito è il possesso della licenza. Anzi, il consiglio è quello di evitare i broker senza alcuna licenza. Esiste comunque licenza e licenza. Quella migliore è la Cysec, cipriota, a cui maggior parte dei broker di prima linea è affiliata. In Italia c’è la Consob, che è comunque una garanzia.

Gratuità. Se lo scopo delle demo è evitare che il trader perda denaro, allora non ha senso – o ce ne ha poco – che lo si costringa a spendere. Il consiglio è quindi quello di rivolgersi sono alle demo gratuite. In quel modo sarà manifesta, da parte del broker, la volontà di offrire uno strumento puramente formativo – senza nessun fine di lucro dietro.

Tempo. La caratteristica forse più importante che una demo forex deve possedere è il fatto di essere illimitata dal punto di vista temporale. Non deve avere scadenza. Ogni trader ha diritto a impostare il proprio percorso di formazione come meglio crede, e se questo prevede anche due o tre mesi, non è giusto che a impedirlo sia proprio una demo.

Bonus. Alcune demo offrono un bonus. Vanno prese in considerazione.

Plus500 offre una demo che è una buona sintesi delle caratteristiche appena elencate. Molto buona anche quello di eToro, soprattutto per il mondo social che offre al trader – aspetto da non sottovalutare, soprattutto in fase di formazione, dal momento che viene offerta la possibilità di entrare in contatto con i trader esperti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *