Forex: a guidare i trader sono… Gli ormoni

Il senso comune considera il trading un’attività dominata dalla razionalità, in cui si cerca il massimo profitto attraverso un’adeguata ponderazione dei rischi e delle possibilità.

John Coates, professore di neurofinanza all’Università di Cambridge ha però elaborato una teoria che mette in discussione questa verità.

Secondo il luminare – ex trader di successo – sarebbero gli ormoni i veri protagonisti del mercato. In particolare, a loro si dovrebbe una caratteristica con cui tutti gli investitori hanno quotidianamente a che fare: l’instabilità del mercato.

Il mercato è instabile, e quindi imprevedibile, perché i trader sono in preda agli ormoni. Un’affermazione di questo tipo potrebbe dare adito a interpretazioni sbagliate e a fraintendimenti, ma l’intuizione di Coates è semplice e allo stesso tempo geniale. Grazie a una ricerca condotta sul campo, poi, è stata dimostrata scientificamente.

Super Quark ha realizzato un servizio proprio sull’argomento. Questo è andato in onda nel corso della puntata del 24 luglio. Ecco cos’ha scoperto John Coates.

I comportamenti dei trader sono influenzati dagli ormoni, proprio come i comportamenti degli uomini nella vita di tutti i giorni e degli animali nel loro habitat naturale. In particolare, ad agire sarebbero il testosterone e il cortisolo.

Il testosterone è un ormone secreto dall’apparato riproduttivo e induce al rischio, all’aggressività, all’azione. Il cortisolo è invece secreto alle ghiandole surrenale ed entra in gioco in situazioni di stress, attivando azioni improntate alla sopravvivenza come l’attitudine alla ponderazione, alla prudenza, persino alla fughe.

A quale conclusione è giunto Coates? Semplicemente, analizzando campioni di saliva dei trader a più riprese durante la giornata, ha scoperto che al mattino, quando i mercati aprono, la concetrazione di testosterone è più elevata, mentre nel pomeriggio a farla da padrone è il cortisolo. Per questo – la correlazione tra le dua variabili è statisticamente significativa – al mattino il mercato è più instabile e frenetico.

Secondo il professore, poi, se a tradare fossero più donne e più anziani, il mercato sarebbe più stabile. Il senso di questa affermazione sta in un’evidenza… Ormonale: in queste categoria il tasso di testosterone è decisamente più basso.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *