Forex: che ruolo gioca il volume di scambio?

L’analisi tecnica, ormai dovrebbe essere un concetto assodato, è uno dei punti di riferimento di qualsiasi trader degno di questo nome. Soprattutto nel Forex, settore che sta prendendo piede presso la gente comune (e quindi sta producendo una letteratura sempre più feconda), lo studio degli indicatori sta ricoprendo un ruolo via via sempre più essenziale nella redazione di strategie vincenti.

Tra gli indicatori più trascurati, ma comunque molti utili, spicca il volume di scambio. Questi è considerato un indicatore non primario. La differenza tra il volume di scambio e il resto degli indicatori (che quindi sono primari) è l’incapacità strutturale di suggerire l’andamento di un asset in assenza di altri indicatori.

In estrema sintesi, il volume di scambio, da solo, dice poco. E’ però un ottimo strumento di conferma. Quando si accompagna a “qualcosaltro”, infatti, è in grado di rilasciare informazioni molto importanti, praticamente decisive. In breve, serve per verificare l’esattezza del segnale denunciato da un indicatore.

E’ sufficiente associare il volume di scambio anche al solo trend. Una volta che questi è definito, o appare tale, è possibile verificarne la forza studiando proprio il volume di scambio.

Occorre principalmente capire se il trend è rialzista o ribassista. Se il trend è rialzista, il volume di scambio deve essere crescente. Se il trend è ribassista, il volume di scambio deve essere ribassista. Ovviamente, se il volume è decrescente quando non deve esserlo – e viceversa – si registra una sorta di contraddizione e questa vuol dire solo una cosa: il trend è debole e per tanto soggetta a una potenziale inversione.

Il volume di scambio assume una importanza innegabile quando si ha a che fare con i supporti. In presenza di un breakout del supporto, infatti, è molto utile analizzare il volume. Se in questo caso il volume è alto ed è soprattutto crescente, allora il breakoout è confermato come segnale di inversione al rialzo e, anzi, è considerabile come un segnale piuttosto solido. Il neonato trend rialzista, in estrema sintesi, perdurerà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *