Forex, cosa sono i broker Market Maker?

Esistono varie tipologie di broker. In particolare, se ne distinguono tre: due “pure” e una che fa la parte dell’ibrido. Quella più diffusa, soprattutto perché è la più user-friendly, è la categoria Market Maker.

Tra i broker Market Maker più importanti, troviamo le “grandi firme” come eToro, Plus500 e i vari MetaTrader. Sono i broker che gli investitori “normali”, quelli che non fanno capo a istituzioni di rilievo, utilizzano.

Qual è il tratto distintivo dei broker Market Maker? Sostanzialmente, come dice il nome, “creano un mercato” e lo offrono all’utente. La loro funzione di intermediario utente-mercato è infatti un falso storico.

Perché creano un mercato? E’ possibile affermare che siano costretti a farlo. Questo tipo di broker accompagna l’utente nella composizione dell’ordine. L’accompagnamento si traduce nella garanzia che l’ordine vada sempre a termine. Per fare ciò, o “dall’altro lato” qualche investitore ha prodotto un ordine uguale e contrario, o deve intervenire il broker. Come?

E’ semplice: creando un ordine uguale e contrario. In questo senso il broker crea una sorta di mercato interno.

I broker Market Maker hanno, ovviamente, dei pregi e dei difetti. Ecco quali.

Pregi:

  1. Non è richiesta nessuna commissione (la loro fonte di guadagno è lo spread).
  2. Spesso il deposito iniziale è molto basso.
  3. Facile da utilizzare. L’interfaccia è a misura di utente.
  4. Fissità degli spread. A volte, alcuni broker a mo’ di promozione offrono gli spread fissi.
  5. Garanzia dell’ordine. In ogni caso l’ordine viene accettato (grazie alla caratteristica di Market Maker).

Difetti:

  1. Spread potenzialmente superori alle altre tipologie. I broker guadagnano grazie agli spread, dunque può capitare che li alzino per aumentare il guadagno.
  2. Scalping non accettato. Non è una caratteristica di tutti i broker MM, ma visto che il guadagno dipende dagli spread, questa tecnica svantaggia il broker stesso.
  3. Possibile minipolazione dei prezzi. Visto che i broker creano un market interno, i prezzi non sono quelli del mercato reale. In alcuni casi, possono differire di molto. Se accade, per gli investitori sono guai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *