Forex, il ruolo del NonFarm Payrolls

Il forex è pesantemente influenzato dagli eventi economici che coinvolgono il sistema reale. Non è solo una questione di grafici, sebbene una parte dei trader consideri sufficiente lo studio dei grafici e dei segnali ai fini della redazione della strategia.

Gli eventi economici in grado di muovere le acque del mercato valutario vengono comunemente chiamati market mover. Importanti sono quelli che riguardano l’economia a cui afferiscono le valute che si stanno commerciando, ma occupano un ruolo di primo piano anche gli indicatori statunitensi: dopo tutto gli Usa rappresentano ancora una potenza economica globale.

Il market mover a stelle-e-strisce da tenere maggiormente in considerazione (insieme alle comunicazioni sui tassi di interesse) è il Nonfarm Payrolls. Letteralmente, identifica i dati sulla disoccupazione escludendo però dai calcoli il settore agricolo.

La rivelanza nel forex è molto alta. Ecco qualche informazione utile sul NonFarm Payrolls e sui metodi per utilizzarlo al meglio a fini strategici.Il Nonfarm Payrolls è un market mover molto importante perché inquadra con esattezza (o quasi) lo stato di salute dell’economia americana. Questo elemento (lo stato di salute economica) è da prendere fortemente in considerazione perché i policy maker statunitensi sono molto interventisti – vedi Fed e il suo Quantitative Easing.

In estrema sintesi, se la disoccupazione è alta, o è caratterizzata da un outlook sfavorevole, allora è molto probabile che le autorità interverranno con politiche di stimoli. Ora, questo tipo di provvedimenti tende in maniera naturale a indebolire la moneta. Quindi, se la disoccupazione cresce, la moneta tende all’indebolimento.

La strada attraverso cui si realizza l’indebolimento (come effetto collaterale) e la risoluzione dei problemi in fatto di disoccupazione (come obiettivo principale) è l’immissione di liquidità. Se un “mare di dollari” invade il mercato, questo ha ripercussioni in termini di forex ma, soprattutto, in termini di economia reale. Lo abbiamo visto negli ultimi anni: il QE si è reso responsabile di imponenti investimenti nei paesi emergenti.

L’impatto sul forex è a questo punto intuitivo. Un payrolls al di sotto delle aspettative instaura – o rischia di farlo – trend negativi in quei cambi che hanno il dollaro come base currency, mentre causano trend positivi in quei cambi in cui è presente il dollaro (ma non come base).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *