Forex, le figure di inversione: una guida preliminare

L’analisi tecnica è uno strumento formidabile per redigere la propria strategia di trading. Ciò vale, ovviamente, anche per il forex. Per analisi tecnica si intende lo studio intensivo dei grafici allo scopo di prevedere i movimenti del mercato e agire di conseguenza.

L’analisi tecnica si basa anche sullo studio delle figure di inversione. Queste sono modelli di comportamento che sono significativi dal punto di vista del mercato. Il nome stesso indica la funzione che ricoprono. Le figure di inversione, infatti, sono tali perché segnalano un’inversione di trend, un avvenimento “importante” per il portafogli del trader in quanto foriera di possibili guadagni.

La caratteristica principale delle figure di inversione è che pressupongono una certa ciclicità dei comportamenti. E’ un assunto che alcuni considerano arbitrario, ma l’importanza di questi modelli nello studio dell’analisi tecnica tende a smentire queste perplessità. Ciclicità vuol dire prevedibilità: un particolare che non può che piacere all’investitore.

Quali sono le principali figure di inversione? La risposta sarà oggetto di un altro articolo. Per ora vediamo quali sono le caratteristiche distintive.

Si trovano alla fine di un trend conformato. Altrimenti, infatti, non si parlerebbe di inversione.

La significatività della figura di inversione è direttamente proporzionale alla durata e all’ampiezza della figura di inversione stessa.

La figura di inversione assume un’importanza maggiore se è preceduta da una rottura di trendline considerevole. Per trendline considerevole si intende una trend line rappresentete su un timeframe largo e sul quale il prezzo viene respinto più di una volta.

Le figure di inversioni godono di volatilità tendenzialmente diverse. Quelle top, per esempio, sono più volatili di quelle bottom. Una figura top annuncia un’inversione verso il ribasso. Viceversa, una figura bottom, annuncia un’inversione verso il rialzo. Le figure top impiegano un tempo minore per realizzarsi e suggeriscono rapidi abbassamento del prezzo. Viceversa, le figure top impiegano un tempo maggiore e l’aumento del prezzo sarà meno notevole.

Il messaggio di queste caratteristiche è uno solo: una figura di inversione “non fa primavera”. Piuttosto, occorre valutare il contesto e le dimensioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *