Forex, prontuario per il trader neofita

Il Forex non è un gioco da ragazzi. A dire il vero non è nemmeno un gioco. E’ un’attività di investimento che, nonostante la cattiva nomea che solitamente lo contraddistingue, gode della stessa dignità delle altre.

E’, anzi, un mercato in cui tecnica, esperienza, sangue freddo sono qualità imprescindibili. Insomma, una cosa da professionisti.

Questo cosa vuol dire? Forse il forex è precluso ai neofiti? Assolutamente no. Anche chi non hai mai frequentato il mercato delle valute può entrarci e far bene. Può guadagnare e, perché no, fare una fortuna. Per farlo deve seguire certe regole. Regole che appartengono anche al senso comune, ma anche a un certo “saper fare” tipico del trading in generale e del forex in particolare.

La prima regola da seguire riguarda l’approccio. Si tratta proprio dell’ABC. L’approccio da evitare assolutamente è quello dello scommettitore. E’ risaputo: il forex, a causa della percezione del rischio perennemente alta, può apparire come una sorta di scommessa. Non lo è. Per vincere occorre un briciolo di fortuna, ma è una delle variabili meno importanti. Senza contare poi che l’approccio da “ludopata” compromette la lucidità e fa compiere scelte pessime.

La seconda regola ha ancora meno a che fare con la tecnica. Piuttosto, con la psicologia. E’ necessario prima di tutto lavorare su se stessi, sul proprio carattere e sulla propria emotività. Il trader esperto è colui che non perde mai il controllo, che conosce la paura e la rispetta, ma sa quando abbandonare il campo e quando premere sull’acceleratore. Il trader esperto è l’essere razionale per eccellenza. Non c’è intuito che tenga.

La terza regola è metodologica, dunque abbastanza tecnica. Un trader neofita, per sopravvivere e raggiungere la maturità, deve studiare. Lo studio deve essere teorico e pratico.

Teorico, sui libri e sulle migliaia di contenuti specializzati presenti sul web (anche forum). Pratico, sugli account demo. Le tappe sono queste: si studia a oltranza, fino a quando non ci si sente pronti per iniziare – è preferibile la lettura di almeno un manuale – infine si apre un account demo e lo si frequenta per due settimane. Ovviamente, è sempre meglio, durante il periodo di pratica, tenere un registro delle proprie operazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *