Forex, quando investire? Ecco le ore più redditizie

Internet è pieno di trader che offrono soluzioni e strategie miracolose per fare soldi velocemente nel Forex. La maggior parte delle ricette, soprattutte quelle che millantano possibilità fuori dal normale, sono illusorie. C’è però un dato che, pur sembrandolo, illusorio non è. E’ il dato “orario“, ossia quello che risponde alla domanda: quando è meglio investire?

Esiste, infatti, un lasso di tempo nell’arco delle 24 ore che offre oggettivamete più opportunità di guadagno rispetto ad altri periodi della giornata. Questo “range di ore” è frutto di alcuni “intersezioni”.

In estrema sintesi, l’orario migliore per tradare nel Forex è quello che va dalle 14 alle 17. Per essere precisi, è più redditizia la fascia 14-17 quando vige l’ora solare, mentre è più redditizia la fascia 15-18 quando vige l’ora legale. Per ore, ovviamente, si intendono ore italiane.

Perché? Semplicemente, questo dato deriva dall’incrocio tra le varie sessioni (americana, europea, asiatica). Di seguito, un focus sulle tre sessioni, sulle intersezioni e sulle variabili che ne determinano la redditività.Sono due le variabili che possono essere definite come i principali responsabili della redditività sul Forex. Il primo è il volume di scambio, ossia la quantità di denaro che viene mossa dalle transazioni. Il secondo è la volatilità, ossia la quantità e la qualità delle variazioni nei rapporti di cambio.

Se sulla volatilità la questione è abbastanza ambigua, ma quando si parla di volatilità i rapporti di forza tra le sessioni sono molto chiari.

  • Sessione europea (Londra): 50% degli scambi all’incirca.
  • Sessione americana (New York): 30% degli scambi all’incirca.
  • Sessione Asiatica (varie): 20%degli scambi all’incirca.

E’ palese dunque come sia preferibile investire durante le intersezioni tra la sessione europea e quella americana, piuttosto che con la sessione asiatica. E l’intersezione in questione avviene proprio dalle 14 alle 17, ora italiana (o dalle 15 alle 18 se vige l’ora legale). Questo perché la sessione di Londra copre la fascia 8-17 (o 9-18 durante l’ora legale) mentre la sessione di New York copre la fascia 17-22.

Per quanto riguarda la volatilità, ci si può fare un’idea andando a spulciare i grafici. In genere, l’assenza – o l’insufficienza – di volatilità è rappresentata da “candele” corte, mentre una volatilità soddisfacente o veramente soddisfacente è rappresentata da candele lunghe o molto lunghe.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *