Sud America e Crimea spingono gli investitori verso oro e yen

Una branca dell’analisi Forex tende a considerare importantissimi, ai fini della redazione di una strategia efficace e, più generalmente, di una previsione quanto più esatta possibile dell’andamento dei mercati, ciò che succede “al di fuori dei grafici”. Questa branca prende il nome di analisi fondamentale.

Non c’è dubbio che gli “analisti fondamentali” siano inflazionati di lavoro di questi tempi. In Europa come in America, infatti, si stanno verificando sconvolgimenti in grado di esercitare una pesante influenza sul forex.

Negli stati latinoamericani, il tapering ha gettato nello sconforto gli investitori e ha catapultato le monete nazionali in una spirale inflattiva come non se ne vedevano da tempo. Nell’est-Europa, la vicende ucraino-russo-crimeane stanno provocando movimenti importanti.

Cosa sta accadendo? E quali sono le conseguenze per il Forex? In estrema sintesi, si sta assistendo all’appoggio degli investitori su quelle che vengono comunemente chiamate monete rifugio. Ecco qualche dettaglio.

Per moneta rifugio si intendono quelle valute che gli investitori tendono ad acquistare quando impera un clima di incertezza tale da smentire, parzialmente o totalmente, le strategie di trading precedentemente redatte. In genere il clima di incertezza scatta quando accadono avvenimenti improvvisi, difficilmente interpretabili, di cui non si riesce a dedurne l’esito.

Ebbene, è quanto stiamo assistendo in queste settimane. I paesi del sud America sono coinvolti in una spirale inflattiva – come anche l’India, la Russia e la Turchia (e altri). Come se non bastasse, non possono mettere in campo misure di politica economica restrittiva, in quanto strozzerebbero una crescita che, in tempi di crisi globale, assume un’importanza capitale.

Senza contare, poi, che è nascosto alla vista, come minimo alla vista dei comuni mortali, l’orizzonte delle vicende in Crimea. La Russia ha annesso la penisola e questo all’Occidente non è piaciuto. Ci saranno sanzioni? Come reagirà Putin?

Queste domande sono destinate a non trovare risposta nel breve periodo, sicché gli investitori si stanno “rifugiando” nelle monete rifugio (appunto).

Queste sono tradizionalmente lo yen e il franco svizzero, che quindi si stanno rivalutando. Anche l’oro, che è il “bene-rifugio” per eccellenza, e considerato alla stregua di una valuta, è percorso da una tendenza al rialzo.

In queste situazioni, anche l’euro è considerata un’opzione, vista la sua tradizionale forza, ma a quanto pare Draghi intende intervenire per impedire una rivalutazione dai risvolti preoccupanti in termini di economia reale.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *