FxPro, le previsioni Forex per il terzo trimestre

Spesso, i migliori broker pubblicano dei rapporti in cui analizzano il presente del forex e si lanciano in previsioni sull’immediato futuro del mercato valutario. Tra questi, spicca il famoso FxPro, broker statunitense molto apprezzato per la sua policy nei confronti del clienti: tra i pochi a essere dichiaratamente (e fattivamente) dalla parte del cliente, offre due piattaforme, lo stra-usato MetaTrader 4 e la “indigena” FxPro Super Trader.

FxPro è un broker anglosassone. E’ licenziata dall’Autorità di autodisciplina finanziaria, ossia l’FCA, responsabile delle licenze della maggior parte dei broker europei.

Cosa ha rivelato FxPro circa il Forex dei prossimi mesi? E’ giusto evidenziare che il rapporto si è occupato soprattutto del terzo trimestre, ma le sue previsioni riguardano anche gli ultimi mesi dell’anno.

Sotto la sua lente di indagine sono finiti soprattutto euro, yen, dollaro e sterlina. Ecco quale sarà – secondo FxPro – il destino di queste quatro importantissime valute.

Euro. Per la moneta unica l’outlook è stazionario. L’esordio delle politiche monetarie espansive dovrebbero indebolirlo, ma a contrastare questa spinta al ribasso sarà la tendenza degli investitori a considerare l’euro come moneta rifugio.

Yen. Per la moneta nipponica si intravede un percorso di indebolimento moderato ma comunque significato. Il motivo di ciò sta nel peggioramento dei parametri econimici, che porterà all’utilizzo di misure espansive da parte della Bank of Japan.

Sterlina. La moneta britannica è prevista in rafforzamento. Questo perché la Bank of England sta seriamente pensando di alzare i tassi di riferimento, attualmente molto bassi per favorire la crescita economica.

Dollaro. Nonostante l’intensificazione del tapering, il dollaro probabilmente si inserirà in un trend ribassista (seppur leggero). Gli ultimi dati sul Pil rivelano un’economia più in affanno di quanto si potesse pensare.

Considerazioni generali. L’azione delle banche centrali – poco espansive o addirittura restrittive – vedi Uk – potrebbe intensificare il calo di volatilità e di liquidità. Ovviamente, ciò va a scapito dei trader forex.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *