Quando il Forex dipende dal mercato immobilire: l’Existing Home Sales

Il forex non è un mercato chiuso, sebbene possa dare l’impressione di esserlo – vista l’importanza che in questo caso ricopre l’analisi tecnica. A decidere degli asset del mercato valutario, però, è anche un certo numero di eventi esterni, di natura prettamente economica ma non finanziaria. Studiarli in chiave forex vuol dire realizzare la cosiddetta analisi fondamentale.

Il forex può dipendere dal mercato valutario. In questo caso, si parla di market mover, ossia di un elemento in grado di impattare negli scambi di valute. Negli Stati Uniti, questo elemento è formalizzato con il termine Existing Home Sales, che in verità comprende solamente il giro di affari derivato dalla vendita di immobili già esistenti.

L’Existing Home Sales è un market mover potente (ma non tra i più potenti). Lo è se si parla di Stati Uniti, ma anche di Europa. Qui di seguito, prenderemo in esame il caso emblematico degli States.

Ovviamente, il market mover comincia a fare il suo dovere dal momento in cui viene annunciata una modifica del quadro a esso stesso relativo. Insomma, il market mover Existing Home Sales si attiva quando vengono diffusi i dati sul mercato immobiliare.

Per capirne la forza, è utile analizzare la cifra di pip nell’arco di lassi di tempi variabili. Come esempio prenderemo l’anno 2009, ultimo anno prima della crisi finanziaria che ha stritolato l’Europa, l’unico anno più o meno recente in cui il forex non è stato macchiato dalle distorsioni dei sistemi economici in crisi.

Dopo un minuto, il market mover Existing Home Sales, in genere ha spostato 8 pip. Dopo cinque minuti ha spostato 15 pip; Dopo venti minuti ne ha spostati 23; dopo tre ore 41; dopo cinque ora addirittura 90.

Queste sono medie. Se guardiamo ai picchi, notiamo che, sempre nel 2009, è stato raggiunto un picco di 22 pip dopo un minuto, un picco di 40 pip dopo cinque minuti e un picco di 52 pip dopo venti minuti.

Si può concludere che l’Home Existing Sales è un buon markert mover, ma comunque non in grado di reggere il confronto con quelli più importanti (es. tagli del tasso di interesse ect).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *